fbpx
Foto di una foto di Vivian Maier di Giulia Polloni

Vivian Maier. The Self-portrait and its Double

Ancora pochi giorni per visitare la mostra presentata dall’Ente Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli-Venezia Giulia: settanta autoritratti, in bianco e nero e a colori ci immergono nella vita di Vivian Maier.
La curatrice Anne Morin di Chroma photography, Madrid, realizza e organizza, in collaborazione con John Maloof Collection e Howard Greenberg di New York, il percorso che ci permette di capire come l’artista si vedeva e come percepiva il mondo che la circondava.

L’arte di osservare all’Associazione Culturale Ottagono

Con il 19 ottobre si apre la stagione teatrale curata e ospitata dall’Associazione Culturale Ottagono, L’arte di osservare.
Terza rassegna organizzata da Ottagono che indaga il contemporaneo con un filtro molto particolare. In occasione del cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, l’Associazione ha voluto portare in superficie il filo rosso conduttore di tutte le opere dell’artista: l’attenzione e l’osservazione del mondo e dei suoi continui cambiamenti.

Udine per fuori sede: le 6 cose strane a cui dovrai abituarti

Trasferirsi in una città nuova, che sia per lavoro o studio, comporta l’incontro con difficoltà e stramberie. Soprattutto se quella città è Udine e tu non sei friulano. Già, perché la città friulana è bella e vivibile come poche altre, ma ti mette di fronte a una serie di stranezze che, inizialmente, non possono che lasciarti spiazzato. Ecco una breve lista delle “particolarità” a cui dovrai prepararti.

Ph. Sophie Thun

“Discordo ergo sum” Il Padiglione austriaco alla Biennale di Venezia 2019

panorama che si inserisce perfettamente il Padiglione austriaco.

Per la prima volta, nella storia dei contributi artistici dell’Austria alla Biennale, con Renate Bertlmann è un’artista ad intervenire nel padiglione con una mostra personale; “[…] come società vogliamo in questo modo dare un segno che rispetti il mondo dell’arte e rifletta su asimmetrie strutturali” queste le parole della curatrice Felicitas Thun-Hohenstein a sostegno della scelta fatta.

Campagna abbonamenti Teatro Nuovo Giovanni da Udine 

  1 Kudos Don'tmove! Inizia la campagna abbonamenti del Teatro Nuovo Giovanni da Udine! Giovedì 26 settembre, alle 17.30, il Teatro presenterà la nuova stagione con un incontro aperto a tutti.Alle 19.00 l’artista Giovanni Cavazzon donerà la sua opera “Apollo e Dafne” al Teatro Da giovedì

Teatro Contatto 38

Teatro Contatto 38 – nuova stagione!

Teatro Contatto 38: inizia la stagione 2019-2020 del teatro contemporaneo udinese!

Novità italiane, eventi coreografici, produzioni e co-produzioni, esiti produttivi di residenze artistiche, performance, teatro partecipato, percorsi sensoriali e in realtà virtuale: dal 26 ottobre 2019 al 4 aprile 2020 torna ad animare la vita culturale e a qualificare l’offerta di spettacolo dal vivo udinese Teatro Contatto, la stagione di nuova scena contemporanea curata dal CSS Teatro stabile di innovazione del FVG.

Civi Design Market

Civi Design Market #6

Civi Design Market #6, la mostra mercato del design emergente il 29 settembre a Cividale
Più di 35 espositori, mostre, laboratori e musica dal vivo: la creatività fa tappa a Cividale del
Friuli domenica 29 settembre dalle 10 alle 19 con la sesta edizione del Civi Design Market

We Do Live In Interesting Times – Pensieri e letture nella Biennale Arte 2019

Sono passati quattro mesi dall’inaugurazione della 58. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, initolata quest’anno May You Live In Interesting Times. E se ci si ferma anche solo un momento a pensare a quanto è successo in soli quattro mesi – in Italia, in Europa, nel mondo – ci si rende subito conto che la Biennale Arte di quest’anno vive giorno per giorno, cambia di giorno in giorno. Come tutta l’arte, in un mondo in cui l’unica costante è il cambiamento.

Blanc European Festival 2019

 Edizione numero uno per Blanc, il festival musicale nato dall’idea del violoncellista Riccardo Pes  in collaborazione con l’Associazione Coro Santa Maria di Lestans che ha accolto e supportato l’idea sin dal principio. Il festival vuole portare la musica fuori dagli spazi consueti puntando sul Friuli Venezia Giulia e le sue latterie, una ricchezza dal punto di vista storico e umano del territorio, spesso dimenticata.