fbpx
Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi usciamo un po’ dalla città, a poco più di 10km da Udine troviamo Villalta e il suo castello, il più importante maniero medievale in Friuli-Venezia Giulia risalente al 1158. 

Molte volte assediato, distrutto e ricostruito, nel 1500 fu protagonista di un importante ampliamento che lo trasformò in quello che possiamo ammirare ancora oggi. Proprietà dei signori di Villalta-Caporiacco e dei Conti della Torre, in pochi sanno che il castello di Villalta nasconde una leggenda: si racconta infatti che durante le notti di luna piena si possano udire dei lamenti di donna!

 

Principessa Villalta

Ma iniziamo con calma e facciamo le cose per bene:

C’era una volta Ginevra di Strassoldo, una bellissima ragazza che, seppur ancora molto giovane, venne promessa sposa a Federico di Cuccagna. L’accordo delle due famiglie prevedeva, infatti, il matrimonio dei rispettivi figli quando questi sarebbero divenuti più grandi.

Gli anni passarono velocemente, ma quando giunse il tempo delle nozze, Ginevra dichiarò il suo amore per il conte Odorico di Villalta conosciuto poco tempo prima ad un ballo.

Il padre di Ginevra, molto legato alla figlia, acconsentì al matrimonio con il conte rompendo così l’accordo con i Cuccagna. Era il 1344 quando Ginevra di Strassoldo e Odorico di Villalta convolarono a nozze. Per il matrimonio Ginevra partì alla volta del castello di Villalta. Giunta però alle porte del maniero fu imprigionata da Federico di Cuccagna che, sentitosi tradito,  aveva assediato il castello e scacciato Odorico. Federico non riuscì però ad usare violenza su Ginevra, poiché,  narra la leggenda, la giovane fanciulla si tramutò in una statua di marmo.

Nel frattempo, Odorico aveva radunato un gruppo di cavalieri a lui fedeli che lo aiutarono a riprendere il castello ed uccidere il rivale.

Odorico si mise alla ricerca di Ginevra: in una stanza della torre trovò una statua di pietra, che assomigliava in tutto e per tutto a Ginevra.

In lacrime abbracciò la statua che riprese le fattezze umane. La felicità dei due sposi non durò però a lungo. Odorico, infatti, partì in guerra non facendo più ritorno. Ginevra non smise mai di aspettarlo per questo ancora oggi nelle notti di luna piena è possibile sentire i lamenti della bella ma molto sfortunata ragazza.

Quali altre leggende conoscete del nostro territorio?

Raccontatecele!

    Potrebbero interessarti: 

    XSpace: un dialogo virtuale tra Semplicità e Complessità

    XSpace: un dialogo virtuale tra Semplicità e Complessità

    Tempo di lettura: 5 minuti Natasha Masuli e Nicola Tessaro sono i designer di XSpace, una delle quattro installazioni presentate per la Udine Design Week 2021 ed esposte virtualmente per la mostra “Totem Semplicità Complesse”, accessibile sino al 10 maggio.

    Semplicità e Complessità, due concetti dai significati contrapposti che per l’occasione rappresentano il trait d’union che lega la progettazione dei totem al contesto urbano.
    Non a caso l’installazione rappresenta fedelmente la sintesi di questa dicotomia: la semplicità dell’oggetto di design, da un lato, e la complessità della relazione fra spazio interno ed esterno, dall’altro.
    Un grande cubo collocato in Via Canciani (angolo Via Rialto) viene inserito all’interno del contesto urbano, quasi a voler creare un senso di estraniazione e disconoscimento rispetto ad alcune delle vie più conosciute e frequentate della città. In questo modo lo spettatore è invitato ad immergersi in un Mondo Altro distaccandosi dalla realtà quotidiana e vivendo il centro attraverso l’ausilio della realtà aumentata.

    Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato!

    * indicates required
    Ho letto e accetto la privacy policy del sito
    You can unsubscribe at any time by clicking the link in the footer of our emails. For information about our privacy practices, please visit our website.
    We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp's privacy practices here.